Ci troviamo il 7 novembre a Kansassìti

Il primo martedì di ogni mese alle ore 21.00, a cominciare da martedì 7 novembre 2017, il collettivo Bianciardi 2022 – chiunque esso sia – si incontrerà nella sede dell’associazione Kansassìti, in via Porciatti 10 a Grosseto.

Sarà un’occasione per conoscerci, per fare il punto sui progetti in corso e per programmare le attività che abbiamo intenzione di mettere in cantiere durante l’autunno, l’inverno e la primavera che verranno.

Affinché Grosseto-Kansas City, la città che non sapeva di essere fascista, diventi la città aperta al vento e ai forestieri.

Grosseto città fascista #1

Forse è ora di mettere da parte la retorica di Grosseto-Kansas City, la città aperta al vento e ai forestieri. Forse, per aprire davvero Grosseto, è necessario ricominciare dalla sua storia vera, reale, quella che trova origine nel Ventennio e prosegue nel dopoguerra. Una storia di fascisti e di massoni che mentre presiedono prestigiosi club cittadini si incontrano segretamente con celebri nazisti e fascisti, tengono conferenze contro il progresso e intanto organizzano colpi di stato, per finire a pubblicare una rivista storica revisionista. Per questo abbiamo deciso di ospitare sul nostro blog una serie di interventi sul neofascismo.
In questo clima di razzismo e di populismo, tenuto conto che anche i gruppi dirigenti dei movimenti sedicenti fascisti a malapena sembrano saper leggere e scrivere in italiano, ci sembra doveroso fornire un contributo alla conoscenza della città.
Dedichiamo questo primo articolo alla rivista «Storia Verità», fondata e diretta da Dante Ciabatti a Grosseto nel 1991.
Continua a leggere Grosseto città fascista #1

Il Bianciardi che ci serve (dieci comandamenti)

Si propone di seguito un arbitrario e opportuno decalogo postbianciardiano: dieci lezioni tratte dalla sua opera, che ancora oggi è una delle più feconde per chi voglia davvero affrontare con coraggio la vita ai tempi del neoliberismo. Ad ogni brano segue il comandamento. Continua a leggere Il Bianciardi che ci serve (dieci comandamenti)

Una preghiera laica per Grosseto-Kansas City

È possibile vivere a Grosseto senza aver mai letto Il lavoro culturale di Luciano Bianciardi? Diciamolo sinceramente: sì, è possibile, si vive lo stesso anche senza averlo letto, ma bisogna anche ammettere che è un handicap non facile da superare. Aumenta il rischio di vivere male. Hai maggiori possibilità di diventare pauroso, insicuro, disorientato. Corri il pericolo di diventare razzista, violento, conservatore. Avrai paura del cambiamento, non riuscirai a immaginare il futuro o se lo immaginerai lo inventerai a tua immagine e somiglianza: rannicchiato in un angolo con un bastone in mano. Con le spalle al muro, un muro che hai costruito tu stesso.

Gli etruschi? Ma gli etruschi non sono mai esistiti. Voi vi chiedete da dove sono venuti, se dal continente, o dall’Asia Minore, o dall’America; avanzate anche l’ipotesi che siano sempre stati qui. Ebbene, avete tutti ragione e tutti torto, cioè vi ponete un problema che non ha senso. Avrebbe senso chiedersi da dove sono venuti i piemontesi, o i toscani, o i milanesi? Non esistono popoli che, tutti d’accordo, un bel giorno prendono il mare (dove trovano tante navi, oltre tutto?) e se ne vanno altrove. (LUCIANO BIANCIARDI, Il lavoro culturale, 1957)

Ora basta. Il momento è giunto. Venerdì 21 luglio alle 11.00 sui gradini della cattedrale di Grosseto leggeremo ad alta voce questo libro. È un omaggio alla nostra città. Una preghiera laica per Grosseto-Kansas City affinché abbia la forza di essere una città aperta al vento e ai forestieri.

Viaggio poetico e politico (dal Monte Labro al mare)

La giornata mondiale della poesia è l’occasione per raccontare l’Italia attraverso la voce della migliore poesia di oggi. Perché la poesia, per quanto ignorata dalla stragrande maggioranza dei lettori, è una delle poche cose che invece funzionano, e le poesie, senza retorica e senza ipocrisia, possono fornirci le parole che servono a rendere il nostro paese più sensato e vivibile. Continua a leggere Viaggio poetico e politico (dal Monte Labro al mare)