Un libro, per iniziare

Il 5 dicembre 2016 esce il libro Per una città aperta al vento e ai forestieri.

In un momento storico caratterizzato dal ritorno delle leggi del sangue e del suolo, in una stagione in cui si diffonde un clima di odio razzista, ed è palpabile la paura delle persone di fronte al cambiamento, un gruppo di artisti e di critici ha deciso di pubblicare scritti e immagini che hanno in comune alcune caratteristiche e valori da condividere: “lo spirito libertario, anarchico quasi, perché di fronte ai ripetuti tentativi di limitare i diritti delle persone in nome della loro sicurezza, noi rivendichiamo come valore fondamentale la libertà individuale; la curiosità come motore della conoscenza, al di là dei confini disciplinari e delle conoscenze già acquisite, che anziché rappresentare un limite possono e devono costituire una risorsa per vivere con gioia il cambiamento; il desiderio di dialogo e di confronto con gli altri punti di vista, anche con quelli più stereotipati ed etnocentrici (che spesso sono la sola risorsa culturale in dotazione alle persone più deprivate) perché siamo consapevoli che senza partecipazione non è possibile un’autentica libertà”.

Lunedì 5 dicembre alle 18.00 il libro viene presentato dagli autori nella sede dell’associazione L’Altra Città di Grosseto (via Alfieri 5/A).

Il libro contiene:
Introduzione (Gli occhiali di Trump)
Roberta Lepri / Bella capanna
Luca Bonelli / Addio a Grosseto
Mauro Papa / Qwerty, Metropoliz, Grosseto e l’arte fuori dalle astronavi
Carlo Bonazza / Fotografie come panni stesi
Vanessa Roghi / Piccola città (appunti per una storia culturale dell’eroina a Grosseto)
Federico Borselli / Strangers in paradise
Simone Giusti / La periferia permanente di Luciano Bianciardi
Andrea Caldelli / Tra la città e il mondo (crescere)
Alberto Prunetti / Per una critica del “cervellone in fuga”
Roberto Biadi / Home, le mie paure
Giorgio Zorcù / La torpedine (l’ultimo capitolo di un romanzo)
Alessandro Angeli / L’urbanistica del dolore
Giulia Pieraccini / Un’altra esperienza corporea. Biopolitiche della transessualità in Italia
Voci dalle Mura. Un podcast audio per contribuire a dare un senso ai luoghi in cui viviamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *